Conversione del c.d. DL "Milleproroghe"

Novità ambientali

Il Senato ha approvato, con voto di fiducia, in via definitiva il DDL di conversione in legge, con modificazioni, del Decreto Legge 30 dicembre 2021, n. 228 recante “Disposizioni urgenti in materia di termini legislativi” (c.d. Decreto Milleproroghe), in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Di seguito segnaliamo le principali novità ambientali apportate durante l'iter di conversione.

 

Etichettatura degli imballaggi (art. 11, c. 1-2)

La modifica proroga di ulteriori sei mesi, al 1° gennaio 2023 l’entrata in vigore dell’obbligo di etichettatura degli imballaggi (il termine precedente era fissato al 30 giugno 2022). Inoltre, coordina la previsione precedente anche con quella relativa al c.d. “salva scorte”, per cui i prodotti privi dei requisiti prescritti e già immessi in commercio o etichettati al 1° gennaio 2023 (in luogo della precedente formulazione che fissava il termine al 1° luglio 2022) possono essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte. Infine, sono apportate modifiche anche ai termini per l’adozione del decreto di natura non regolamentare recante le linee guida tecniche per l'etichettatura posticipando il termine a 90 giorni dalla data di entrata in vigore della disposizione, rispetto a quello attuale fissato a 30 giorni.

 

Fondo per la transizione energetica nel settore industriale (art. 11, c. 3)

Il DL dispone che il termine per l’erogazione delle risorse del fondo per la transizione energetica nel settore industriale di cui all'art. 23, co. 8, del d.lgs. n. 47 del 2020, è stabilito, con esclusivo riferimento ai costi sostenuti tra il 1° gennaio 2020 e 31 dicembre 2020, alla data del 30 giugno 2022.

 

Import virtuale energia (art. 11, c. 4)
Al fine di consentire alle imprese energivore italiane di competere con le imprese straniere, viene prorogato fino al 31 dicembre 2026 il meccanismo di perequazione c.d. import virtuale.

Tale meccanismo si inserisce nella realizzazione del mercato unico dell’energia elettrica, per il quale in Italia è stato dato mandato a Terna di provvedere, a fronte di specifico finanziamento da parte di soggetti investitori terzi, a programmare, costruire ed esercire - a seguito di mandati ad hoc da parte dei medesimi soggetti - uno o più potenziamenti delle infrastrutture di interconnessione con l’estero.

 

Sorveglianza radiometrica (art. 11, c. 5)
Il DL in esame interviene  in materia di sorveglianza radiometrica, che è stata oggetto di importanti modifiche nell’ultimo periodo.

La modifica proroga al 30 giugno 2022 l’attuale sistema di misurazione delle radiazioni per consentire alle imprese, nelle more dell’adozione del nuovo decreto che riconosca gli organismi preposti al nuovo sistema di misurazione, di adempiere agli oneri a proprio carico.

 

Protezione radiazioni ionizzanti (art. 4, c. 8-septies)
A seguito di un emendamento approvato in sede referente, viene prorogato il termine - dal 27 febbraio 2022 al 31 marzo 2023 - previsto per il raggiungimento dell’accordo in sede di Conferenza permanente Stato-Regioni circa la definizione delle modalità di registrazione delle sorgenti di radiazioni ionizzanti dagli attuali 18 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo sulla radioprotezione.


Misure in materia di energia (art. 11, comma 5-octies)
In prima lettura, è stata approvata una modifica che prevede che la rideterminazione delle modalità di riscossione degli oneri generali di sistema, di cui all’articolo 33-ter del D.L. n. 77/2021 (L. n. 108/2021), debba essere effettuata entro il 30 giugno 2022.


01 marzo 2022

Condividi